Punti di Rifinitura – Sopraggitto

2 Novembre 2010 di Caterina Mezzapelle


Il punto sopraggitto può essere eseguito sia a mano che a macchina e serve per rifinire tovaglie, tovagliette, lenzuola e biancheria per la casa di vario genere. Questo punto di ricamo serve anche per unire insieme due pezzetti di stoffa o i lavori all’uncinetto.

Per unire insieme le due cimosse con il punto sopraggitto  è bene prima di tutto imbastire il tessuto o puntare le cimosse con degli spilli a distanze abbastanza lunghe per evitare che un bordo del tessuto si accorci rispetto  all’altro.

sopraggitto

Per eseguire questo punto di rifinitura esistono due tecniche da utilizzare a seconda se i tessuti da unire hanno o meno la cimosa.

 

Sopraggitto con Cimosa

sopraggitto con cimosa

Entrare con l’ago 2 o 3 fili sotto il bordo della cimosa e uscire obliquamente più avanti, verso sinistra. Durante la lavorazione ti ricordo di non tirare troppo il filo poiché i due bordi dovranno apparire vicini ma non sovrapposti. Finita la cucitura, distendere bene i due teli di tessuto, togliere l’imbastitura e stirare bene.

Sopraggitto Senza Cimosa

sopraggitto senza cimosa

Se la stoffa non ha la cimosa, eseguire il drittofilo, ripiegare per mezzo centimetro i bordi da unire e accostarli. Eseguire il sopraggitto prendendo obliquamente 2 o 3 fili prima da un telo e poi dall’altro.

Sopraggitto Antico

Affinché il tessuto resti ben spianato è possibile utilizzare anche il sopraggitto antico, in cui invece di prendere insieme i due bordi del tessuto, si passa l’ago sotto due fili del bordo di destra e poi sotto due fili del bordo di sinistra e così di seguito. La lavorazione risulterà a lisca di pesce!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Copyright di Caterina Mezzapelle Part. I.V.A. 02413940814 - R.E.A. 191812